CONOSCERE PER APPREZZARE E RISPETTARE LA NATURA. EDUCAZIONE ALL’ASCOLTO DEGLI UCCELLI CANORI CON GLI ALUNNI DELL’ISTITUTO RAPISARDI-GARIBALDI

Home / Eventi / CONOSCERE PER APPREZZARE E RISPETTARE LA NATURA. EDUCAZIONE ALL’ASCOLTO DEGLI UCCELLI CANORI CON GLI ALUNNI DELL’ISTITUTO RAPISARDI-GARIBALDI

FEBBRAIO-MARZO 2018

Concluso il progetto di educazione ambientale con gli alunni dell’Istituto Comprensivo Rapisardi-Garibaldi di 

Palermo. Tema del progetto: LA CITTA’ NATURALE.

Il progetto ha visto coinvolte 6 classi di prima media. Gli incontri sono stati caratterizzati da una lezione in aula con proiezione diapositive, un’uscita birdwatching nel giardino della scuola e la realizzazione di mangiatoie con materiali di recupero. Tutte le classi sono state iscritte alla Lipu! Grande interesse, passione e dedizione degli alunni!

Ecco qualche dettaglio:

 

  • La città naturale: scopriamo quali uccelli vivono e dove vivono nella città di Palermo
  • Mi riconosci?: identificazione degli uccelli del parco di villa Gallidoro, quali alberi preferiscono e perché. Educazione all’ascolto dei suoni degli uccelli canori provenienti dagli alberi.
  • Invito a pranzo: descrizione, preparazione e distribuzione nel parco di piccole mangiatoie realizzate con materiale riciclato.

In un periodo e in una città in cui la fauna selvatica cittadina viene messa in secondo piano, ecco l’importanza di educare i bambini fin da piccoli nel rispetto della natura.

Già dal mese di marzo verzellini e cardellini si apprestano a nidificare nelle chiome dei pini, mentre capinere, merli e colombacci utilizzano i ficus per costruire o restaurare il proprio nido.

Tutti noi conosciamo gli effetti benefici del verde urbano, ma pochi forse sanno che anche gli uccelli sono molto importanti perchè contribuiscono a migliorare la salubrità ambientale cacciando migliaia di insetti e invertebrati che potrebbero essere potenzialmente dannosi per l’uomo e per le piante.

Ma sono gli uccelli canori che hanno qualcosa in più: riducono lo stress della vita cittadina con le loro melodiose vocalizzazioni. La mattina presto basta affacciarsi dal balcone e cercare di concentrarsi per 5 minuti sul canto della capinera o del merlo: rallegreranno aiutando ad affrontare le dure giornate di lavoro.